Green Economy

Le politiche di sostenibilità nei distretti industriali italiani. Il caso del Distretto Ceramico

Pubblicato il 3 March 2015 | Da : | Categoria : Green Economy |

Il settore italiano dell’industria ceramica da rivestimenti è costituito complessivamente da 163 aziende (dati del 2011 dall’Indagine statistica del settore ceramico, Confindustria Ceramica), con quasi 300 stabilimenti produttivi, e oltre 22 mila dipendenti, che si concentra tra la Provincia di Modena e Reggio Emilia, nell’area pedecollinare, i cui principali Comuni modenesi sono Sassuolo, Fiorano e Scandiano; Casalgrande e Castellarano sul versante reggiano.

La produzione italiana, che ammonta attualmente a circa 380 milioni di metri quadrati è concentrata prevalentemente nel Distretto ceramico per l’81%. Le vendite ammontano ad un fatturato di circa 4,7 miliardi di euro e sono destinate prevalentemente ai mercati esteri (70%) facendo dell’Italia il primo esportatore di piastrelle in ceramica e il primo produttore al mondo per valore.

Schermata 2015-03-03 a 16.33.12

Nonostante il calo quantitativo della produzione, Il Distretto ceramico da oltre 40 anni detiene la leadership nazionale, e mantiene ancora un ruolo leader su scala internazionale in termini di qualità e di valore.

Il ciclo di crisi economica internazionale iniziato dal 2008, e la contrazione del settore edilizio in particolare in Italia, ha costretto molte aziende del settore a politiche di down-sizing delle attività produttive, allineando l’offerta alla domanda e all’ottimizzazione dei costi unitari di produzione. Questa contrazione ha causato una riduzione del numero di stabilimenti (-9% rispetto al 2008), del numero dei forni produttivi (-18%), il calo dei volumi di produzione (-23%) e la riduzione degli stock di prodotto finito (-24% nel biennio).

Nonostante la crisi economica generalizzata, il settore ceramico italiano gode ancora di diversi “marchi” che permettono di distinguerlo rispetto ad altri com- parti esteri dell’industria ceramica di altri paesi: qualità del prodotto, Design, innovazione, Made in Italy, profilo Green di prodotto e processo, interventi di Responsabilità Sociale d’Impresa verso il territorio. A fianco di questi fattori, negli ultimi anni è stata anche svolta una campagna di pressione presso le istituzioni europee per l’introduzione di dazi antidumping, che hanno permesso di resistere rispetto ad altri competitor a difesa della correttezza degli scambi commerciali.

Nell’articolo curato da Focus Lab nell’ambito della 4ª edizione 2013 del Rapporto dell’Osservatorio Distretti Italiani, scaricabile qui, sono descritte le recenti tappe del percorso di promozione del fattore Green e di parametri di Sostenibilità nel Distretto Ceramico con varie iniziative, di settore e multi-stakeholder, e con un mix di strumenti gestionali.

> Vai alla nostra Sezione Green Economy

 


Creazione e Supporto tecnico by Web Agency Modena